La ShopApp, sviluppata in partnership con Jointag, spinge avanti le frontiere del proximity marketing e conquista per il secondo anno consecutivo il blasonato riconoscimento nella categoria Innovazione.

IMOLA, 7 giugno 2017. Per il secondo anno consecutivo Cefla Shopfitting si aggiudica il blasonato Retail Institute Award Italy (considerato il più importante contest dedicato alle eccellenze del Retail Marketing e del Point of Purchase) nella categoria Digital & Technological Innovation grazie alla ShopApp, un progetto sviluppato assieme a Jointag, società veronese partner di Cefla, specializzata in marketing di prossimità attraverso le tecnologie di comunicazione a disposizione negli smartphone (Bluetooth, Gps, Nfc e Qr code, ecc..).

ShopApp, installata sui device mobili dei consumatori, permette loro di comunicare con il retailer dando vita a un’interazione destinata a caratterizzare i supermercati del futuro. Sempre più informato, consapevole e, anche divertito, l’utente della Shop App potrà ottenere in tempo reale preziosi contenuti sulle caratteristiche del prodotto, offerte personalizzate e coinvolgenti proposte di intrattenimento (gaming). Il retailer può così disporre di uno strumento di forte differenziazione per i suoi punti vendita, integrando le sue politiche di proximity marketing con una soluzione tecnologicamente avanzata e funzionale, di semplice gestione in quanto standardizzata ma, allo stesso tempo, perfettamente adattabile a ogni situazione.

“Cefla shopfitting – afferma Andrea Ventura, managing director di Cefla Shopfitting – conferma la volontà strategica di sviluppare un retail design in cui si integrano le nuove tecnologie, in modo da offrire al cliente, in fase di progettazione del punto vendita, una proposta in linea con la necessità di trasformare il punto vendita fisico in un ambiente accattivante in termini di shopping experience. Dietro a tutto ciò c’è l’esperienza pluriennale di progettare, sviluppare e produrre display merceologici modulari personalizzati in funzione dell’immagine che il cliente vuole realizzare”.

“Per il secondo anno consecutivo – afferma soddisfatto Marco Brandstetter, Ceo di Join Tag – la partnership tra Cefla e Join Tag ci ha portati a vincere il primo premio di un concorso prestigioso come il Retail Award. ShopApp è una delle declinazioni più interessanti della nostra tecnologia, che però si apre a sempre più aspetti dell’advertising in store. Sono convinto che le nuove frontiere offerte da questo settore, penso ad esempio ai possibili utilizzi dell’Internet of things, della domotica o della realtà aumentata, rivoluzioneranno completamente il mondo dello shopping e sono orgoglioso di ritenere la nostra azienda veramente pioniera e protagonista di questo universo che cambia.”

Il proximity marketing si conferma dunque un’eccellenza di Cefla Shopfitting, che lo scorso anno aveva vinto l’Award con lo Smart Shelving System: un concetto di display espositivo, predisposto per integrare reti di Smartlink (i trasmettitori Bluetooth progettati da Cefla) che unisce importanti qualità dal punto di vista dimensionale ed ergonomico a importanti vantaggi in termini di gestionali, essendo l’impianto di alimentazione elettrica (sfruttabile anche per l’illuminazione Led o per monitor informativi) installabile senza dover smontare lo scaffale.

APPROFONDIMENTO TECNICO:

“ShopApp – spiega Giancarlo Bonzi, business development manager, Innovation Research & Development di Cefla Shopfitting – rende gradevole ed emozionante l’esperienza all’interno dei negozi. ShopApp vanta alcune funzioni di base che la rendono interessante, per esempio è possibile leggere rapidamente codici Qr per accedere alle informazioni già predisposte sulla merce. Ma è quando un consumatore entra in un negozio del retailer, dove è stato predisposto il percorso di ‘customer-journey’, che l’esperienza diventa veramente significativa: sul display appare la mappa del negozio che si sta visitando e si possono utilizzare i menu attivati dal contesto, per esempio è possibile visionare tutorial video sull’utilizzo dei prodotti, amplificando così lo show-room grazie all’esposizione ‘virtuale’ di una serie di contenuti e di valori che guidano il consumatore e aumentano la reputazione del retailer”.

La ShopApp consente inoltre di sfruttare la realtà aumentata per il self-help nello shopping. Inquadrando con lo smartphone uno scaffale di libri, ad esempio, compariranno in sovra-impressione sullo schermo una serie di indicazioni per aiutare il consumatore a trovare al volo la sezione del genere preferito (narrativa, ragazzi, saggistica, ecc.). E ancora, la realtà aumentata sviluppa un notevole potenziale quando viene utilizzata dal retailer per proporre dei giochi (gamification) in diverse aree del negozio o in diverse localizzazioni di punti vendita. In questo caso, ad esempio, il consumatore percorre le corsie dello store e, così come avveniva per un noto gioco molto di moda, può cercare e inquadrare dei “gettoni” (o altre figure) virtuali. Una volta “catturato” il tesoro con un click il giocatore-cliente si aggiudicherà punti fedeltà o sconti immediati.

Share This